Scampagnate sul Montello - Gruppo Alpini Crocetta del Montello

Vai ai contenuti
Le scampagnate sul Montello
Tenuta Vanetti ora Bernardi
Il nostro Gruppo, per tanti anni, ha rispettato, tra le atre, anche la tradizione di una scampagnata estiva sul Montello (luogo storico per gli eventi che lo interesarono durante la Grande Guerra), nella "Tenuta Vanetti", che si è regolarmente tenuta tra l'ultima domenica di agosto e la prima o seconda di settembre.
Questa tradizione nacque per l'amicizia che legava il proprietario del luogo, il dr. Antonio Vanetti, a molti alpini, dei quali era un grande ammiratore, e in particolare ad uno dei Capigruppo che si sono succeduti negli anni alla guida del nostro sodalizio, Guerrino Baù.
Il dr. Antono Vanetti, persona di cultura molto vasta e dagli interessi senza confini, dotato di grandissima simpatia e squisita ospitalità, ci ha purtroppo lasciati nel 2001.
La proprietà del luogo, a due passi da Crocetta, che altro non è che un parco naturale in miniatura, dove il compianto dr. Vanetti amava vivere a contatto con la natura che lo rallegrava con la sua bellezza, lo inebriava con i suoi profumi e lo rasserenava con la sua tranquillità, è passata al nipote Antonio Bernardi il quale, sia per rispetto della volontà dello zio, ma anche lui estimatore degli alpini, ha continuato ad aprirci questo splendido luogo.
Così anche noi, riconoscenti al dr. Antono Vanetti prima ed ora al nipote, dr. Antonio Bernardi, abbiamo continuato a rispettare questa piacevole tradizione anche se, negli ultimissimi anni, a causa dell'invecchiamento generale dei soci e della sempre maggiore difficoltà a dover trasferire tutti i materiali sul Montello, abbiamo un po' rallentato le nostre presenza che non sono più annuali, ma le intervalliamo con il più vicino parco Pontello e, in caso di maltempo, eventualmente il salone parrocchiale.
Alcune immagini che pubblichiamo danno comunque il senso della bellezza e della cura con la quale viene tenuto questo magnifico parco nel quale contiamo di continuare a ritornare per onorare la disponibilità e ospitalità dell'attuale proprietario al quale va il sincero grazie da parte di tutti gli alpini del Gruppo.
Torna ai contenuti