2006 Caorle-Trieste - Gruppo Alpini Crocetta del Montello

Vai ai contenuti
Crocetta-Caorle-Crocetta in pullman
Caorle-Trieste-Caorle in motonave
2 luglio 2006
Come da programma, si è svolta domenica 2 luglio scorso la gita a Trieste, la cui novità consisteva nel fatto che, a Trieste, ci si arrivava dal mare.
Era appunto una novità che non ci permetteva di valutare l’accoglienza da parte dei Soci e degli amici, per cui avevamo fissato il termine per le adesioni al 15 giugno. Grande è stata quindi la sorpresa nel trovarci, già la sera del 15 giugno, con tutti i 100 posti prenotati (e anche qualcuno in più) e dover poi rifiutare parecchie altre richieste.
Il gran giorno siamo dunque partiti da Piazza Marcato, dopo aver caricato vettovaglie e viveri per uno spuntino serale, con due pullman al gran completo alla volta di Caorle, dove ci aspettava la motonave “Fenice” che alcuni hanno conosciuto in occasione della Festa del Redentore dell’anno scorso.
Malgrado il giorno domenicale con un traffico sostenuto, solo pochi i minuti di ritardo rispetto al programma e, quindi, tutti a bordo, si salpa.
L’acqua calma del canale che porta al largo inganna, perchè appena si prende il largo, con in vento di prua, la motonave comincia a beccheggiare e qualcuno la prende non tanto bene, tant’è che per poter buttar giù la prima ombra di incoraggiamento, bisogna reggersi da qualche parte. Ma per fortuna dura poco ed il mare s’acquieta e tale rimarrà per tutta la giornata.
Sul ponte, intanto, una buona parte dei gitanti, soprattutto le signore, cercano di prendersi un po’ di abbronzatura senza scottarsi visto che durante la navigazione c’è sempre una bella brezza.
Giunti a Miramare, e dopo che il pilota aveva attraccato seguendo le precise indicazioni dell’Ammiraglio Robert de Valery che avevamo l’onore di avere a bordo con noi, siamo scesi per la visita al castello alla quale è seguito il pranzo che nel frattempo ci avevano preparato a bordo, a base di penne allo scoglio, frittura mista, formaggio, frutta, dolce, caffè, che tutta la comitiva ha dimostrato di apprezzare molto.
Poco dopo le 14 si salpa da Miramare per Trieste, dove si rimane dalle 15 circa alle 17,30, il tempo di effettuare una visita libera alla città.
Si riparte da Trieste per il viaggio di ritorno a Caorle, e nel tragitto ne approfittiamo per “far fuori” una decina di angurie che ci eravamo portati appresso per rompere il digiuno pomeridiano.
Alle 19,30 circa siamo a Caorle, ma non possiamo ripartire prima di aver fatto uno spuntino, sicché appaiono tavoli, frigoriferi, pane, affettati vari, formaggio e anche una bella pesca, il tutto annaffiato da un buon bicchiere di vino.
Ma ormai è finita, risaliamo nei pullman per il rientro con la soddisfazione che tutti hanno passato una bella giornata tant’è vero che molti rispondono sì alla provocatoria proposta  di ripetere la gita la domenica successiva. Ma ne riparleremo per l’anno prossimo, quando abbiamo già riprogrammato la Festa del Redentore.
Arrivederci!
Torna ai contenuti